Monday 29 October 2012

Si concludono i lavori di Ravello Lab 2012

Ravello LAB – Colloqui internazionali

Ravello, 26-27 ottobre

 

CULTURA, CREATIVITA’ E IMPRESA AL CENTRO DI UNA NUOVA POLITICA DI SVILUPPO PER LE AREE URBANE E PER I TERRITORI

 

Roma, 29 ottobre 2012. Alla vigilia del nuovo ciclo di programmazione dei fondi europei per gli anni 2014-2020 (che attraverso il Programma EUROPA CREATIVA assegna alla cultura e all’industria creativa 1,8 miliardi di euro), è l’intero sistema-paese che deve ripensare le strategie di politica economica per una nuova qualità della crescita. E’ questo il messaggio centrale che emerge dalle giornate di Ravello Lab, i Colloqui Internazionali sulle politiche culturali in chiave di sviluppo economico a cui hanno partecipato oltre 60 operatori italiani ed europei e giunti quest’anno alla loro settima edizione. Recenti studi, infatti, hanno evidenziato che le industrie culturali e creative rappresentano circa il 4,5% del PIL dell’UE e il 3,8% dell’occupazione  ed equivalgono a 8,5 milioni di posti di lavoro diretti (e molti di più se si considerano le ricadute in altri settori). A livello nazionale la cultura frutta al Paese il 5,4% della ricchezza prodotta equivalente a quasi 76 miliardi di euro e dà lavoro a oltre 1,4 milioni di persone, ovvero al 5,6% del totale degli occupati, con un peso specifico assai superiore al settore primario o alla meccanica.  

‘L’indicazione di porre la cultura al centro delle politiche di sviluppo è supportata anche dai più recenti studi promossi dal Parlamento Europeo – ha sottolineato l’On. Silvia Costa, europarlamentare e relatrice del Programma EUROPA CREATIVA – che hanno anche suggerito di considerare la cultura come dimensione trasversale ed integrata a tutte le altre politiche di coesione che possono contare su risorse molto più significative, arrivando a circa 380 md di euro’.

Le ‘Raccomandazioni’ di Ravello Lab, infatti, hanno l’obiettivo di fornire un contributo a tutti i policy-makers, ai diversi livelli istituzionali, per introdurre politiche pubbliche dirette a sostenere una nuova qualità dello sviluppo economico non trascurando, in un momento di grave crisi che avvolge l’intera Europa, le straordinarie potenzialità della cultura anche a sostegno della coesione sociale.

‘Per rendere operative queste proposte – avverte Alfonso Andria, Presidente del Comitato Ravello Lab- è indispensabile, a livello nazionale, un più stretto coordinamento tra il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il Ministero dello Sviluppo Economico e, a livello europeo, l’inserimento della cultura nelle priorità strategiche del nuovo programma dei fondi comunitari 2014-2020’.

Le città e i territori saranno i protagonisti di queste nuove sfide e, accanto ad una maggiore consapevolezza dell’intera classe dirigente, pubblica e privata, del ruolo della cultura nelle politiche di sviluppo (si veda la best practice europea di pianificazione strategica a base culturale rappresentata dalle Capitali Europee della Cultura e che interesserà il nostro Paese nel 2019), sarà necessario introdurre strumenti di ingegneria finanziaria che favoriscano la progettualità integrata tra pubblico e privato e tra i diversi livelli istituzionali. ‘E’ a questo fine – dichiara Claudio Bocci, Consigliere Delegato di Ravello Lab – che abbiamo lanciato la proposta di un Fondo per la progettualità culturale in grado di qualificare l’azione delle Amministrazioni Pubbliche nell’immaginare nuovi percorsi di sviluppo basati sulla valorizzazione integrata dello straordinario e diffuso patrimonio culturale del nostro Paese’.

 

Ufficio Stampa – Ravello Lab:  06 32 69 75 21 - 331 95 94 871 - stampa@federculture.itwww.ravellolab.org